Amarcord

Lutz Eigendorf, fuga da Berlino Est

La mattina del 19 marzo del 1979 a Gießen, cittadina della Germania Ovest, nella regione di Assia, la temperatura sfiora gli zero gradi. I calciatori della Dinamo Berlino, fuori dall’hotel che li ospita, si sfregano le mani, nuvole bianche di vapore escono dalle loro bocche. Ridono, sono contenti di essere…
Cent'anni fa nasceva Gianni Brera. Era l'8 settembre del 1919, giorno di festa per papà Carlo, sarto e barbiere di San Zenone al Po, neanche mille anime in provincia di Pavia. "Cresciuto brado o quasi fra boschi, rive e mollenti. Io sono padano di riva e di golena, di boschi…

Gianni Brera, addio miserabile estate

Se oggi parliamo di contropiede, goleador e centrocampista, lo dobbiamo a Gianni Brera. Lo stesso nome di questo sito, il catenaccio, è stato inventato da lui. Giornalista gigante, romanziere dello sport, paroliere, sceneggiattore, novelliere. Sapeva dipingere quello che vedeva, non si limitava a raccontarlo. Il suo era un stile "straordinariamente…
Oggi a Roma si terranno i funerali del “professore” Nello Governato. Lo chiamavano così quando giocava nella Lazio per come riusciva a gestire il centrocampo: Nello non era solo calciatore, è stato anche giornalista, scrittore e direttore sportivo, ma soprattutto è stato una bandiera biancoceleste. Nello Governato con la maglia…
Vittorio Zucconi, storico giornalista di Repubblica, è morto lo scorso 25 maggio. È morto nella sua Washington, città americana che è diventata casa dal 1985, quando diventa editorialista dagli Stati Uniti per il giornale di Scalfari. Classe 1944, originario di Bastiglia, provincia modenese, ha lavorato con Walter Tobagi a La…
“Domani i campioni partono per Lisbona. Partono a cuore leggero”. Termina così l’ultima cronaca su Tuttosport di Renato Casalbore, che del giornale sportivo è fondatore e direttore. Parlava del pareggio appena strappato dall’Inter al Grande Torino. Era il maggio 1949, lo scudetto, il quinto di fila, era ad un passo. C’era anche…
70 anni fa la tragedia di Superga. Erano le 17.03 del 4 maggio 1949 quando il Fiat G.212, partito da Lisbona, si andò a schiantare contro la basilica di Superga, sulla collina torinese. I morti furono 31, tra cui tutta la squadra del Grande Torino, di ritorno da un amichevole…
  Essere bambini durante la Seconda guerra mondiale non è stato semplice, specialmente nelle sue fasi conclusive romane. In quel periodo, la quotidianità era caratterizzata dalla fame, dal coprifuoco e dalle sirene che avvertivano l’arrivo di un bombardamento. Nonostante quei giorni fossero terribili, soprattutto inimmaginabili oggi, una speranza con un…

Wacky Races. Corse pazze alle Olimpiadi

  La maratona è l’evento più importante dei giochi olimpici. Voluta per celebrare la corsa di un messaggero greco che percorse a piedi i 42 km che separavano Atene da Maratona, dove gli ateniesi avevano sconfitto l’esercito persiano, e creare così un ponte simbolico con la Grecia antica, nacque in…

El Equipo Fantasma

La Paz, la capitale amministrativa della Bolivia si trova a più di 3500 m d'altitudine, è la capitale più alta del mondo, fare sport ad un'altitudine così elevata non è facile per chi non ci è abituato, l'aria rarefatta riduce le capacità respiratorie e il pallone prendendo più velocità, assume…

Un Raggio di Luna sul derby

La punizione con cui Kolarov ha squarciato barriera e derby, sabato scorso, è un raggio di luce sparato con una frattura al piede. È un raggio di sole al 71esimo, sessant’anni dopo un Raggio di Luna. Così chiamavano Arne Selmosson, l’unico, fino a sabato, a segnare un gol, con entrambe…

Gli Europei del 1968

  Roma, 10 Giugno del 1968, Stadio Olimpico. Gli spalti sono strapieni e si sta per disputare la finale dell’europeo tra i padroni di casa dell’Italia e la temibile Jugoslavia.  Il popolo italiano sogna il suo primo trionfo europeo dopo i due precedenti mondiali conquistati nel 1934 e nel 1938.…

Valdir Peres e il mestiere del portiere

Se nasci calciatore in Brasile il ruolo più difficile che tu possa sceglierti è senza dubbio quello del portiere. Costretto a difendere, invece di creare. Costretto a giocare con le mani, invece che accarezzare il pallone con i piedi. Limitato dall’area di rigore, chiuso, invece di correre libero per il…
Sono stati i giorni di Cristiano Ronaldo alla Juventus: 100 milioni il prezzo del cartellino, 30 milioni l’anno, per quattro anni, il suo stipendio. Un circolo virtuoso, e vizioso, pronto a scatenarsi fatto di pubblicità, magliette, diritti di immagine, traffico social. Il calciatore più forte, e più seguito, del mondo…

El Trinche, campione dimenticato

Quando Diego Armando Maradona si trasferì al Newell's Old Boys durante una conferenza stampa un giornalista lo definì come ”il miglior calciatore che abbia mai giocato a Rosario”, lui lo fermò e rispose: “No ti sbagli, il miglior calciatore ha già giocato a Rosario, e il suo nome è Tomas…

La buca di Maspero, volume secondo

“Il fine giustifica i mezzi”. Diceva Niccolò Machiavelli, neanche troppo velato tifoso fiorentino a cavallo tra Quattro e Cinquecento. Da tifoso viola mai avrebbe pensato che il suo motto, tra l’altro un po’ più complesso di questo ma vabbè, sarebbe stato usato e subito dagli odiati rivali bianconeri. Usato, di…

L'uomo del silenzio

Gli ingredienti della ricetta sono semplici: una finale di Coppa del Mondo da giocare in casa, prime pagine dei giornali che titolavano “O Brasil vencerà”, il presidente della Fifa Jules Rimet che aveva già preparato il discorso per i vincitori brasiliani. Dopodiché aggiungere lui, Alcides Ghiggia, all’epoca solo un 24enne…

La storia di Giuliano Taccola, eroe dimenticato

Era la dodicesima partita del campionato 68/69. La Roma volava a Cagliari e Taccola aveva già segnato sette reti. Pochi giorni dopo ci sarebbe stata una partita fondamentale per la Coppa Italia, contro il Brescia. L’attaccante della Roma quella partita non la giocherà mai. La storia di Giuliano Taccola inizia…

La triste danza di Garrincha

“Ti serve un lavoro? Vieni a pulire i bagni da noi”. Questa la risposta di Oliver Straube ad Andreas Brehme. Entrambi ex calciatori, il primo con una carriera tra Norimberga e Amburgo, il secondo campione d’Italia, di Germania e del mondo. Oliver è ora titolare di un’azienda di pulizie. Andreas…

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!