C’è un’Italia che va in finale. È l’Under 17 di calcio trascinata da Destiny Iyenoma Udogie
In evidenza

17 Maggio 2019 Autore  

Quando l’Italia incontra la Francia di Zidane è destino che a vincere debbano essere gli azzurri. E se ti chiami Destiny allora il destino non può che essere un appuntamento, una formalità. Gli azzurri Under 17 volano in finale dell’Europeo di categoria dopo aver battuto 2 a 1 i transalpini. La rete decisiva porta la firma di Destiny Iyenoma Udogie, terzino sinistro di origini nigeriane che gioca nelle giovanili del Verona. L’altro gol è di Sebastiano Esposito, che raggiunge la doppia cifra con la nazionale e che Luciano Spalletti ha già fatto esordire con i grandi dell’Inter, nel match di Europa League contro l’Eintracht Francoforte.

Un risultato importantissimo, che porta la nostra nazionale in finale per la seconda volta di fila. Merito soprattutto di mister Carmine Nunziata che ha saputo cucire una rosa dinamica, forte, ricca di idee. E soprattutto di storie. Perché nel 4-3-1-2 azzurro, il trequartista dietro le punte risponde al nome di Franco Tongya, torinese classe 2002, genitori del Camerun, maglia 7 sulle spalle, che a Vinovo già chiamano il nuovo Pogba. Veloce e dotato di un gran fisico, ha messo a segno 5 reti nella cavalcata dell’Italia Under17. Gli stessi che lo scorso anno mise a segno con la maglia dell’Udinese Nicolò Cudrig, bomber di Cividale, gol in fuga verso l’estero. Perché per crescere e diventare grande ha rifiutato le offerte di Juventus e Roma e ha scelto il Belgio, il Cercle Brugge.

A farla da padrone, nella squadra di mister Nunziata, sono l’Inter, con 6 convocati, e la Juventus, con 4. Tra questi Nikola Sekulov, gioiello cresciuto a Piacenza, dove è nato da genitori macedoni. In campionato, con la maglia bianconera, ha messo a segno 6 reti e 4 assist, nonostante il suo mestiere sia quello di mezz’ala. Insieme a lui, in questa finale, ci saranno Marco Molla del Bologna, Matteo Ruggeri dell’Atalanta, Lorenzo Colombo del Milan, Christian Dalle Mura della Fiorentina. Il fior fiore dei nostri vivai, che sembra stiano, lentamente, riprendendo a sfornare talenti. Una squadra giovane e bella, che ricorda la selezione di pallavolo di Davide Mazzanti, quella con Paola Egonu, Miriam Silla, Elena Petrini, Sylvia Nwakalor. Una nazionale che venerdì sera, al Tallaght Stadium di Dublino, non si è arresa neanche quando per la Francia è entrato Theo Zidane, centrocampista del Real Madrid figlio di Zizou. 

L’appuntamento per la finale è domenica prossima, 19 maggio, alle 17.30 italiane. Davanti all’Italia ci sarà l’Olanda, che su 21 convocati ne ha quasi metà dell’Ajax. Nel suo DNA c’è lo stesso stile di gioco di quei pazzi di Ziyech e De Light, van Beek e Neres. Contro, però, avranno l’Italia di Esposito, Cudrig, Tongya e Bonfanti. Sperando in un altro gol di Destiny, nell’appuntamento col destino.

Lamberto Rinaldi

Classe 1994, Roma, cantastorie calcistiche per ilCatenaccio, menestrello sulla rivista Il Nuovo e Stampa Critica o, per dirla in maniera più autorevole e un sacco fica, giornalista freelance. Un glorioso passato da spazzatore-falciatore per i campi della Terza Categoria viterbese, terminato anzitempo per ovvie incomprensioni con il sistema calcistico italiano. Una triennale in Lettere e una magistrale in Ingegneria Letteraria, nome artistico di Filologia Moderna, a La Sapienza di Roma. Conduce la trasmissione Super Santos sulle frequenze di Active Web Radio.
Andare, guardare, cercare di capire, raccontare. Letteratura e sport, calcio e As Roma. Ha fatto anche cose buone.
 
 
Vuoi collaborare con ilCatenaccio? https://www.ilcatenaccio.it/contattaci oppure manda un messaggio alla nostra pagina Facebook
 
 

Sito web: https://twitter.com/LamboRinaldi

Articoli correlati (da tag)

LASCIA UN TUO COMMENTO

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!