Il più grande truffatore della storia del calcio
In evidenza

06 Novembre 2018 Autore  

Carlos Henrique Raposo, era un ragazzo brasiliano come tanti altri, che cercano di riscattare con il calcio una vita difficile. Purtroppo però Carlos, oltre a una somiglianza con Beckenbauer, che gli valse il soprannome di Kaiser, con il calcio aveva poco a che fare, non aveva le qualità necessarie per sfondare e a 20 era già un ex calciatore.

Il Kaiser però aveva dalla sua un'altra arma, era molto socievole e con una capacità innata nell'arte oratoria, sfruttando la sua parlantina nei primi anni '80 iniziò a frequentare i locali alla moda di Rio de Janeiro e in poco tempo diventò amico di alcuni dei più grandi calciatori del tempo come Renato Gaucho, Edmundo, Romario o Bebeto.

Immagine correlata

Proprio grazie a queste amicizie riuscì a farsi ingaggiare dalla sua prima squadra professionistica: il Botafogo. Arrivato in squadra per non rivelare la sua incapacità con il pallone fra i piedi, applicò per la prima volta una tecnica che avrebbe replicato per 20 anni e che gli avrebbe permesso di farsi ingaggiare da club importanti senza mai scendere in campo.

Raposo si fingeva fuori forma all'arrivo in una nuova squadra e svolgeva così un allenamento differenziato preparato da un suo fantomatico personal trainer. Passava così i primi due o tre mesi senza toccare un pallone, quando l'allenatore poi pretendeva di vederlo giocare pagava un suo compagno per fargli male in allenamento e si fingeva infortunato per il resto della durata del contratto grazie a medici compiacenti.

Per dimostrare poi alla società che valeva la pena attenderlo, durante gli allenamenti girava sempre con un telefono portatile in mano, un vero e proprio lusso per quegli anni, che in realtà era un giocattolo fingendo di parlare con grandi club europei. Per compiacere i compagni organizzava dei festini e portava ragazze nei ritiri e si faceva amici anche i giornalisti in modo che parlassero bene di lui e convincessero altre squadre a comprarlo.

Un giorno, quando era in forza al Bangu, squadra di Rio, i suoi piani stavano per andare in fumo, il presidente credeva molto in lui, era la punta di diamante della sua campagna acquisti e lo voleva a tutti i costi in campo, durante una partita in cui Raposo era in panchina, chiamò lui stesso l'allenatore ordinandogli di farlo entrare. Il Kaiser messo alle strette dovette improvvisare, iniziò a insultare senza motivo un avversario, si scatenò una rissa e fu espulso ancor prima di mettere piede in campo.

Riuscì a ingannare moltissime squadre nel corso della sua carriera, anche club blasonati in Brasile gli offrirono un contratto, oltre al Botafogo e al Bangu firmò anche per il Flamengo, la Fluminense e il Vasco da Gama, giocò in Messico nel Puebla, a El Paso negli Stati Uniti e secondo le sue dichiarazioni anche nell'Independiente in Argentina, ma la società ha sempre smentito, tutto questo senza mai scendere in campo neppure un minuto. Un curriculum di tutto rispetto sulla carta che convinse anche alcuni scout europei, nel 1986 si trasferì in Francia, nel Gazelec Ajaccio, dove fu accolto come un campione, con una presentazione davanti a uno stadio pieno di gente che non aspettava altro che vedere le mosse del nuovo fuoriclasse brasiliano. Ancora una volta Raposo, messo alle strette, dovette escogitare qualcosa:

Ho iniziato a raccogliere tutti i palloni e a lanciarli ai tifosi. Nel frattempo salutavo e mandavo baci. La folla era impazzita. Alla fine sul campo non c'erano più palloni”.

Immagine correlata

Pericolo scampato ancora una volta, senza palloni la squadra dovette rinunciare all'allenamento e la facciata era salva.

A 39 anni Carlos appese gli scarpini al chiodo senza mai averli utilizzati, nel 2011 ha raccontato la sua storia a una TV brasiliana e al giornalista che gli chiedeva se si sentiva in colpa rispose così:

Non devo scusarmi di niente. Le squadre hanno illuso e continuano a illudere un sacco di giocatori, qualcuno doveva pur vendicarli

Chapeau novello Avenger, i calciatori ti ringraziano.

Gianluca Di Mario

Nato nel 1994 sotto il segno dell'aquila, e non poteva essere altrimenti vivendo nel paese di Alessandro
Nesta. Ha fatto appena in tempo a vedere l'epopea Cragnotti, prima di innamorarsi dei colori biancocelesti
nei primi anni lotitiani, quelli dei 9 in un giorno e di Paolo Di Canio. Scrive di calcio e dintorni per
passione su ilCatenaccio.it grazie. Per gli amici, un soprannome straordinario, no che dico straorDiMario.

 

Vuoi collaborare con ilCatenaccio? https://www.ilcatenaccio.it/contattaci oppure manda un messaggio alla nostra pagina Facebook

LASCIA UN TUO COMMENTO

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!