Nel segno di Zvone Boban
In evidenza

14 Giugno 2019 Autore  

Attuale vice segretario della Fifa, ex fantasista del Milan e della Croazia degli anni ‘90, un recente passato da arguto e critico commentatore Sky. Di chi stiamo parlando? Ovviamente di Zvonimir Zvone Boban.

La chiamata alle armi di Paolo Maldini, neo direttore tecnico in pectore del primo vero Milan targato Elliott dopo la supplenza forzata del primo tumultuoso anno, non ha lasciato insensibile il grande fuoriclasse croato, stimolato dall’affascinante sfida di riportare il Diavolo dove è sempre stato, nell’elite del calcio mondiale. Piccato, Zvone. Realista. Dannatamente fatalista. E’ stato questo il tratto caratteristico delle sua lunga esperienza come opinionista televisivo nell’affrontare l’argomento Milan. Troppo dura per lui accettare il ridimensionamento sia tecnico che economico di quella squadra che aveva dominato per 20 anni l’intero panorama calcistico. Famose le sue discussione accese con l’allora AD Adriano Galliani sulla piega provinciale presa dal club, accorati i consigli volti a riportare tutti sulla retta via. Per Boban, lo Zorro più famoso del contesto pallonaro, il concetto di Milan è sempre stato connesso e correlato a quella di top. Di bello. Di super. Di inarrivabile, per certi versi.

L’accettazione dell’incarico da parte sua segna in maniera intangibile la serietà della proprietà americana, minata forse un po' troppo dai toccanti e per certi versi inattesi addii di Gattuso e, soprattutto, Leonardo. Il brasiliano, abbandonando la guida della nave rossonera, aveva fatto calare una pericolosa cappa di scetticismo su tutta la tifoseria e tra gli addetti ai lavori. A rischiarare il clima e a risollevare gli entusiasmi generali, chiarendo definitivamente le intenzioni serissime dei Singer, sono arrivati prima il si di Paolo Maldini e poi, ci permettiamo di sottolinearlo senza la minima intenzione di sminuire l’eterno capitano milanista, quello del croato tutto stile, classe, e competenza.

L’ufficialità è ormai solo una formalità, l’arrivo chiuso mercoledì del centrocampista Krunic, eclettica mezz’ala dell’Empoli, porta indissolubilmente la sua firma. E qui emerge prepotentemente il secondo tratto peculiare del Profeta dell’Erzegovina: quello di scovare prima degli altri il talento altrui. Una capacità che si sposa meravigliosamente con la linea giovane presentata da Gazidis qualche settimana fa alla Gazzetta dello Sport. Ricercare il talento, valorizzarlo, consolidarlo. Una missione che Boban ha trasformato nel must di un’intera carriera, migliorarsi per raggiungere vette difficilmente preventivabili. Quali? Quelle che l’hanno portato direttamente al secondo gradino più importante del podio Uefa: collaboratore strettissimo di Gianni Infantino, frequentatore assiduo delle stanze dei bottoni più importanti del massimo organo calcistico mondiale. Zorro multiuso. Limpido come il sole, accaparrarsi uno dei più influenti manager per semplificare l’annosa trattativa Milan-Uefa sull’intricata questione del FFP. Il carisma, lo charme, il fascino e la competenza di Zorro per andare a chiudere definitivamente la vicenda e permettere finalmente al Diavolo di ripartire, In che modo? Scontato: nel segno di Zvone Zorro Boban.

Alberto Petrosilli

Vuoi collaborare con ilCatenaccio? https://www.ilcatenaccio.it/contattaci oppure manda un messaggio alla nostra pagina Facebook

Seguici su https://www.facebook.com/ilcatenaccio/

LASCIA UN TUO COMMENTO

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!