La mattina del Derby
In evidenza

29 Settembre 2018 Autore  

La mattina del derby sarà sempre uno stato d'animo, un'emozione a parte.

Magari un'emozione da poco, come quella della canzone. Ma intanto è mia, è intima e allo stesso tempo collettiva. È qualcosa che ti porti dentro e ogni volta è uguale. è qualcosa che non sai descrivere se non ci sei dentro come dice Colin Firth in Febbre a 90.

Mi sveglio con ancora in bocca il sapore dell'amaro montenegro della sera prima. Mi sveglio tardi, ovviamente. E ovviamente non ho né le forze né la concentrazione giusta per prepararmi una colazione che si possa anche solo lontanamente definire tale. Infilo la felpa e neanche mi levo la maglia, di Totti, che mi fa da pigiama. Che fuori ci siano 40 gradi all'ombra o i pinguini a -30 io dormo in mutande e con la maglietta di Totti. Non quella da gioco, non sono così blasfemo, ma una grigia, che forse vendevano col Corriere dello Sport o qualcosa di simile, con nome e numero. Basta così poco per dormire comodi.

Scendo silenzioso al bar di sotto, Carletto mi vede e già posa sul bancone il caffè. Oggi non mi stuzzica, non mi prende in giro che mi sono svegliato tardi, sa che è un giorno particolare. Mentre col tovagliolo alzo la vetrina dei cornetti gli faccio: "Oggi è tosta tosta eh Carlè..", "Si, pe loro". Lo zucchero a velo che stava appoggiato sulla pasta a sfoglia al primo morso mi cade tutto addosso mentre con la mano sfoglio il giornale.

La grande chance”, “Derby de paura”. Manolas recupera, Florenzi forse alto, De Rossi ci sarà. E ci sarò pure io, e questo, per me, è quello che conta. La Nord entra in ritardo per protesta, la Sud ha annunciato la coreografia. Mentre mi ripasso in mente le formazioni il cellulare inizia a vibrare. È Luca, che conoscendolo sarà sveglio dalle 7, la notte prima del derby è sempre un po’ complicata. Scrive che mi passa a prendere a mezzogiorno, così facciamo tutto con calma e raggiungiamo gli altri.

Quando il derby si gioca alle 3 è meglio, è un sollievo fisico ed emotivo. Non devi tirare a campare fino alla sera, a galleggiare nell’ansia, a prepararti alla sfida. Fosse per me non si dovrebbero proprio giocare i derby: tre punti a loro, tre punti a noi, uno alla volta, come il turnismo in Spagna, una par condicio calcistica. La mattina del derby scorre così. Tra mani avanti, frasi fatte e pippe mentali. Tra “vincete voi”, grattatio pallorum e formazioni al fantacalcio incastrate apposta. “Ao io metto Milinkovic, così se segna non me la pionderculo troppo”.

Intanto al bar entra Franco, pensionato di ormai 75 anni, un passato al ministero ma soprattutto sulle panchine di mezza terza categoria. Il Messaggero sotto braccio, busta col pane nell'altra. "A Carlo damme il giallorosso". Il barista prepara sul bancone due bicchieri, butta uno pezzetto di arancia in entrambi e poi versa in uno il crodino e nell'altro il campari. Poi sistema una scodella di patatine che, a sentire come (non) scrocchiano, saranno state dei tempi di Annoni, Cappioli e Piacentini. Tutte le domeniche Franco tiene il suo show al bar, dopo le partite: si mette al tavolino centrale, si accavalla le gambe, fine fine, con l’aiuto delle mani, quel tanto che basta per mettere in risalto il calzino che avvolge lo stinco, poi inizia. “Me dovrebbero pagà pe’ parlà de calcio co’ voi, ma che ne sapete dei tempi miei…”. Un appuntamento altro che la Domenica Sportiva. E quando c'è una partita più importante, a Carletto chiede l'aperitivo giallorosso. 

È un rito, e se gli dici che è una scaramanzia si incazza. La superstizione porta sfiga. Mi guarda e fa: "Ma che vai in Curva?" "Si mister, perchè?" "Daje no strillo da parte mia!".

Redazione

Seguici su Facebook https://www.facebook.com/www.ilcatenaccio.es/

Vuoi collaborare con ilCatenaccio? https://www.ilcatenaccio.it/contattaci oppure manda un messaggio alla nostra pagina Facebook

LASCIA UN TUO COMMENTO

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!