Combattere il razzismo con una poesia
In evidenza

24 Settembre 2019 Autore  

I migliaia di abbonati e di tifosi del Cagliari, al momento di occupare i propri posti alla Sardegna Arena per la sfida (vinta) contro il Genoa, hanno trovato una piccola sorpresa sul proprio seggiolini. Un volantino, ideato dalla società, con sopra scritta una poesia di Grazia Deledda.

Prima donna italiana a ricevere il Nobel per la letteratura nel 1926, nata a Nuoro nel 1871, aveva la Sardegna impressa sul corpo, nelle vene, nel cuore. Tanto che la stessa motivazione diramata dalla giuria del Premio recitava: "Per la sua potenza di scrittrice, sostenuta da un alto ideale, che ritrae in forme plastiche la vita quale è nella sua appartata isola natale e che con profondità e con calore tratta problemi di generale interesse umano".

volantino cagliari

Per questo motivo il Cagliari ha deciso di usare le sue parole per combattere il razzismo. Poche settimane fa i buu razzisti avevano sommerso l'attaccante dell'Inter, Romelu Lukaku, che su Instagram aveva replicato: "Il calcio è un gioco amato da tutti e non dovremmo accettare alcuna forma di discriminazione che possa provocare vergogna nel nostro sport. Noi calciatori dobbiamo essere uniti e prendere una posizione, per far sì che il calcio resti un gioco pulito e divertente per tutti". Nel giro di poche settimane i casi si sono triplicati e l'ultima vittima, ma solo in ordine di tempo, è stata Dalbert della Fiorentina, nella sfida contro l'Atalanta sul neutro di Parma.

Al fianco del loro attaccante si erano schierati gli Ultras dell'Inter, che attraverso un comunicato, da più parti definito delirante e privo di senso, avevano pregato il calciatore belga "di vivere questo atteggiamento come una forma di rispetto per il fatto che temono i gol che potresti fargli non perché sono razzisti. Quando dichiari che il razzismo è un problema che va combattuto in Italia, non fai altro che incentivare la repressione di tutti i tifosi".

lukaku dentro

La sagra delle dichiarazioni è passata per la bocca del presidente Fifa Gianni Infantino ("In Italia il razzismo è un problema molto grave") e per quella del ct della nazionale Roberto Mancini ("Il nostro non è un paese razzista"). Zero soluzioni, zero proposte. Parole al vento.

E forse lo saranno anche quelle di Grazia Deledda, ma è stupendo e soprattutto utile vedere la lotta al razzismo sotto questo aspetto, ovvero come la lotta del bello contro il brutto, della civiltà contro la barbarie, della libertà contro la paura. Della poesia contro gli insulti. Il resto, poi, va fatto a scuola, in casa, per strada. Va fatto nei campi di calcio, con pene più severe e misure certe.

Intanto, per chi volesse, ecco il testo della poesia di Grazia Deledda scelto dalla società del Cagliari:

Noi siamo Sardi

Noi siamo spagnoli, africani, fenici, cartaginesi,
romani, arabi, pisani, bizantini, piemontesi.

Siamo le ginestre d’oro giallo che spiovono
sui sentieri rocciosi come grandi lampade accese.

Siamo la solitudine selvaggia, il silenzio immenso e profondo,
lo splendore del cielo, il bianco fiore del cisto.

Siamo il regno ininterrotto del lentisco,
delle onde che ruscellano i graniti antichi,
della rosa canina,
del vento, dell’immensità del mare.

Siamo una terra antica di lunghi silenzi,
di orizzonti ampi e puri, di piante fosche,
di montagne bruciate dal sole e dalla vendetta.

Noi siamo sardi.

 

Risultati immagini per grazia deledda

Lamberto Rinaldi

Classe 1994, Roma, cantastorie calcistiche per ilCatenaccio, menestrello sulla rivista Il Nuovo e Stampa Critica o, per dirla in maniera più autorevole e un sacco fica, giornalista freelance. Un glorioso passato da spazzatore-falciatore per i campi della Terza Categoria viterbese, terminato anzitempo per ovvie incomprensioni con il sistema calcistico italiano. Una triennale in Lettere e una magistrale in Ingegneria Letteraria, nome artistico di Filologia Moderna, a La Sapienza di Roma. Conduce la trasmissione Super Santos sulle frequenze di Active Web Radio.
Andare, guardare, cercare di capire, raccontare. Letteratura e sport, calcio e As Roma. Ha fatto anche cose buone.
 
 
Vuoi collaborare con ilCatenaccio? https://www.ilcatenaccio.it/contattaci oppure manda un messaggio alla nostra pagina Facebook
 
 

Sito web: https://twitter.com/LamboRinaldi

LASCIA UN TUO COMMENTO

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!