Ha vinto Wanda Nara
In evidenza

13 Settembre 2019 Autore  

Mauro Icardi non è più il centravanti dell’Inter. Non il suo bomber. Non il suo prolifico numero 9. E’ storia nota l’arrivo al suo posto del gigante belga Lukaku, strappato a suon di milioni da Marotta al Manchester United. Della vicenda si è detto e scritto di tutto: tentennamenti continui dell’argentino, ferreo nella sua granitica convinzione di rimanere in nerazzurro anche da separato in casa, con la certezza, malcelata agli occhi dei più, di riuscire a far ricredere Antonio Conte.

Alla fine, proprio sul gong del mercato, la resistenza che cede, il lavoro sotto traccia di Wanda Nara finalmente a buon fine, la partenza per Parigi, il parcheggio di un anno al Psg e falla momentaneamente tappata nel clan interista. Come in tutte le più complesse vicende di mercato, aldilà della mera cronaca che racconta passo passo anche i sussurri dei protagonisti, ci si diverte a chiedersi chi sia il vincitore e chi il vinto. Chi sia l’uomo ripulito al tavolo da poker e chi l’Asso (citazione che gli amanti di Celentano coglieranno) della partita. Noi abbiamo umilmente ascoltato, nel nostro cantuccio affittatoci da Walter Sabatini, i giudizi trancianti, le levate di scudi, i testimonial pro-Marotta e quelli anti-Wanda. Ci siamo dunque fatti la nostra idea, abbiamo incrociato pensieri, elaborato sentenze, abbellito giudizi. Ha vinto Wanda Nara.

L’ex di Maxi Lopez, il Mino Raiola del gentil sesso, ha cavato d’impaccio il compagno e liberato il buon Beppe dal fardello di dover tenere in casa l’ex capitano ormai ripudiato. Tre mesi a flirtare con la Juve del nemico Paratici, l’impossibilità mediatica e ambientale di condurre in porto il tanto reclamizzato scambio Icardi-Dybala, l’esigenza di mantenersi comunque aperta la porta ad un futuro a tinte bianconere.: tutto questo trova risposta nel prestito temporaneo gratuito (!) di una anno in terra d’oltralpe. Vero, diranno i più pignoli, che a favore dei parigini vige un diritto di riscatto pari a 70 milioni di euro.

Altrettanto vero però che alternarsi tra M’Bappè, Cavani e il reietto Neymar non si presenta compito agevole. E quindi come interpretare formula e vantaggi dell’operazione dal punto di vista del calciatore e del suo entourage? Osservazione quasi banale. Innanzitutto l’aspetto economico: la bionda opinionista di Tiki Taka ha fatto lievitare i compensi di Maurito da 7 a 10 milioni annui, con la possibilità, in caso di riscatto, di aumentare tale cifra grazie a cospicui e lauti bonus. Dal punto di vista prettamente calcistico e tecnico invece, la possibilità di confrontarsi con campioni di levatura internazionale e la possibilità finalmente di togliere  la casella dello zero alla voce trofei vinti. Come dire, tutto fa curriculum. Infine, ma non meno importante, evitare che la carriera di Icardi si impantanasse nelle secche di due anni di inattività come quelli che venivano prospettati dal proseguo della carriera nerazzurra. “Non era la soluzione migliore ma arrivati al 2 settembre non si poteva fare altrimenti”: abile stratega anche a parole la Nara, frettolosamente osteggiata in quanto donna in un mondo prettamente maschilista e invece capace di non sfigurare di fronte a nessuno dei suoi colleghi.

E tra 12 mesi cosa accadrà? La paura che il Psg non eserciti il riscatto, spinto magari anche dalla scarsa volontà del calciatore, aleggia vivida sulle teste che popolano Appiano Gentile. Dopo l’inquietante moda dell’estate appena trascorsa, quella Samara challenge che ha catalizzato l’attenzione di gran parte della popolazione negli ultimi mesi, il sentore dalle parti di Interello è che a giugno 2020 Maurito Icardi possa nuovamente comparire, travestito da se stesso, all’ingresso del centro sportivo interista per far ripartire una telenovela ancora lontana dal concludersi. La regia, come al solito, è in mano a lei. Wanda Nara. E voi siete pronti per l’Icardi challenge?

 

Alberto Petrosilli

Vuoi collaborare con ilCatenaccio? https://www.ilcatenaccio.it/contattaci oppure manda un messaggio alla nostra pagina Facebook

Seguici su https://www.facebook.com/ilcatenaccio/

LASCIA UN TUO COMMENTO

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!