Voce del verbo credere
In evidenza

21 Agosto 2018 Autore  

Era il giugno 2016 quando l'Atalanta presentava in conferenza stampa Gian Piero Gasperini come allenatore. Le sue parole furono subito chiare e semplici: "Credo che l'obiettivo sia giustamente la salvezza, poi c’è modo e modo di ottenerla". E magari il modo già ce l'aveva in testa. Ma il Gasperini che arriva a Bergamo è un allenatore che ha qualche sassolino nella scarpa da togliersi. L'Europa raggiunta e non concessa dalla Uefa con il Genoa, l'esonero e le dimissioni nell'anno di Palermo, il licenziamento dall'Inter e il triste record di unico allenatore nerazzurro a non aver mai vinto una partita ufficiale.

Arriva a Bergamo con voglia e chiarezza, semplicità e idee. Quando però si inizia a fare sul serio arrivano le prime sconfitte. 4-3 contro la Lazio alla prima di campionato, poi vittoria col Torino, e poi sconfitte a raffica contro Sampdoria, Cagliari e Palermo. Il giorno dopo la sconfitta con i siciliani, Percassi e la dirigenza si riuniscono per decidere sulla fiducia al tecnico. Inizia la prima girandola di nomi, sondaggi, proposte. Ma la linea guida è semplice: "Proviamoci". Anzi, crediamoci.

Da lì la svolta. Arriva un 1-3 sul campo del Crotone, la vittoria corsara in casa con il Napoli, un pareggio a Firenze e un 2-1 contro l'Inter. È l'Atalanta di GagliardiniKessièConti e Gomez e chiuderà il girone d'andata al sesto posto. "Mi sembra esagerato pensare alla Champions - dice Gasperini - riguarda Juve, Napoli, Roma e forse Inter. E' chiaro che la vittoria contro il Napoli ci permette di avere delle speranze più concrete per l'Europa. Adesso siamo autorizzati a crederci".

Ci credono lui, i giocatori, i tifosi. Perchè si, la strada è lunga e in mezzo c'è anche un 7-1 contro l'Inter che avrebbe tagliato le gambe a chiunque. Ma ci sono anche un 5-0 nel derby della Lanterna e un 2-2 contro la Juventus. "L'Atalanta come il Leicester? Non credo, in Italia è molto difficile. Siamo molto felici e orgogliosi per quanto abbiamo fatto finora, ma non vogliamo caricarci di altre responsabilità".

Quarto posto in campionato, Europa in tasca. Ma l'oro che porta Gasperini è soprattutto quelle delle plusvalenze. I giocatori che ha plasmato, che ha fatto esordire, che ha modellato per il suo gioco vengono ceduti: Kessie e Conti per oltre 50mln al Milan, Gagliardini all'Inter per 22 e Caldara, oggi al Milan, già venduto alla Juventus per 15+4 di bonus. "Credo di aver realizzato un desiderio di Percassi, che sognava di ripercorrere il cosiddetto ‘modello Bilbao’, che prima di noi, in Italia, non c’era: l’Atalanta ha sempre sfornato grandi talenti, ma non ha mai impostato la prima squadra sulla crescita di questi. Ho paura che il sistema cambi, che la Dea diventi un club normale. Non sarebbe più la mia Atalanta né l’Atalanta di Percassi". Giovani e vivaio, Gasperini li conosce bene. Il padre Giuseppe, torinese di Grugliasco, operaio e poi impiegato per la Fiat, lo porta a fare un provino con i bianconeri a 9 anni. La trafila in primavera, poi solo una partita con in i grandi in Coppa Italia. “La vera forza del nostro vivaio non è solo nel numero di ragazzi in gamba, ma nel fatto che gente come Caldara, Grassi, Sportiello gioca insieme da più di dieci anni. Kessiè è cresciuto qui, Petagna arriva dal Milan e Spinazzola dalla Juventus, ma lo zoccolo duro è tutto bergamasco. Percassi, il presidente, ha giocato con questa maglia ed è bergamasco. Credo che sia più facile così, quasi naturale, allestire un buon vivaio, trasmettere il senso di appartenenza”.

Troppe cessioni però, troppo importanti quei giocatori. E poi arrivano i sorteggi dell'Europa League: Atalanta con Everton, Lione e Apollon. Troppo più forti, troppo più esperte. "Affrontiamo con fiducia e rispetto questa competizione - Gasperini è sempre calmo, semplice - Noi non abbiamo un nome così importante, ma la stagione sul campo ha detto cose vere. Abbiamo entusiasmo, dietro di noi, e una competizione su cui puntiamo molto. [...] Probabilmente i tifosi che hanno vissuto quel periodo possono fare meglio di me quei raffronti. 26 anni sono tanti, sono cambiate squadre e regole, però credo che alla fine il comune denominatore è l'entusiasmo che ci circonda".

Il resto della storia la sapete. Girone dominato, cavalcata europea stoppata, a testa alta, solo contro il Borussia Dortmund, semifinale in Coppa Italia, settimo posto in classifica. In mezzo c'è una nuova estate di smantellamenti e plusvalenze. Via CristantePetagnaKurtic, dentro ZapataPasalic e poco altro. "Il mercato è stato triste e povero, siamo in difficoltà - ha detto Gasp - Il club ha sempre saputo di cosa avevamo bisogno, ha stanziato un buon budget ma sono arrivati troppi giovani che non sono ancora pronti. Questa rosa non potrà essere competitiva in più competizioni. Se ci si aspetta di vedere una stagione come le precedenti due, allora all’Atalanta servirà un allenatore migliore".

Ha smesso di crederci? A vedere la partenza della Dea non si direbbe: 10 gol complessivi al Sarajevo e 6 all'Hapoel Haif nei preliminare di Europa League, 4 al Frosinone alla prima di campionato. E il rinnovamento vede ora protagonisti Barrow, Hateboer, Freuler e il solito Gomez. "E' il nostro Cristiano Ronaldo, è davvero importante. Quest’anno ha svolto una gran preparazione, arriva con buone motivazioni. Sta facendo cose bellissime. Lo scorso anno era meno reattivo in zona gol, ma ha fatto una buona stagione".

Ora c'è il Copenhagen, poi la Roma. A crederci c'è sempre Gasperini. E di certo non è solo.

Lamberto Rinaldi

Classe 1994, Roma, cantastorie calcistiche per ilCatenaccio, menestrello sulla rivista Il Nuovo e Stampa Critica o, per dirla in maniera più autorevole e un sacco fica, giornalista freelance. Un glorioso passato da spazzatore-falciatore per i campi della Terza Categoria viterbese, terminato anzitempo per ovvie incomprensioni con il sistema calcistico italiano. Una triennale in Lettere e nel mirino una magistrale in Ingegneria Letteraria, nome artistico di Filologia Moderna, a La Sapienza di Roma. Conduce la trasmissione Super Santos sulle frequenze di Active Web Radio. Andare, guardare, cercare di capire, raccontare. Letteratura e sport, calcio e As Roma. Ha fatto anche cose buone.
 
 
Vuoi collaborare con ilCatenaccio? https://www.ilcatenaccio.it/contattaci oppure manda un messaggio alla nostra pagina Facebook
 

Sito web: https://twitter.com/LamboRinaldi

LASCIA UN TUO COMMENTO

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!