0

Bill Russell: icona del gioco e della storia

Quando negli anni ’50 William Felton Russell, più ...
0

Fabio Quagliarella e il lieto fine

Un lieto fine dipende da dove interrompete la ...
0

Ho pianto per Roger Federer

Quando dopo quattro ore e cinquantacinque minuti ...
0

Un pelota e un bianco del Penedes al tavolo di ...

Scrivere di sport non è un mestiere inferiore”. ...

Interrogativo Icardi

Quanto è difficile essere Mauro Icardi. Personaggio controverso, argentino atipico, bomber di razza con scarsa propensione al gioco di squadra. Leader designato più che naturale, malinconico ex capitano dell’Internazionale FC. Ma, soprattutto, procuratrice ingombrante. Piccoli problemi di cuore, oseremmo dire.

È proprio attorno alla sua figura e a quella di Wanda Nara, avvenente moglie e procuratrice dell’ex Sampdoria, che verte oggi il nostro approfondimento. Inutile tornare a rivangare i fatti della stagione appena terminata, un lungo esilio dall’isola interista culminato poi con un rientro forzato ma degradante sotto l’aspetto della considerazione generale, ma molto importante capire come sbrogliare l’intricata matassa che la gestione Spalletti (impeccabile da questo punto di vista) ha lasciato. Sul fronte nerazzurro spira forte il vento della rivoluzione: approdato il condottiero salentino Conte si sta dando il via, per il momento solo mediaticamente, al nuovo corso tutto regole e morigeratezza targato Antonio&Beppe. Per carità, nulla da eccepire in merito, ma come logica conseguenza di ciò viene quasi naturale pensare che Icardi e Wanda mal si sposino con questa nuova impronta “militare”. Juventinizzare l’Inter, questo lo scopo del duo, quella rigidità molto spesso cameratesca tante volte criticata dal buon Antonio Cassano in questi lunghi anni.


Mauro Icardi, 11 gol in 29 presenze nell'ultimo campionato

Precisazione doverosa: dal nostro punto di vista nulla abbiamo da criticare rispetto alla professionalità di Mauro Icardi, puntualità agli allenamenti, mai una parola fuori posto, atteggiamento impeccabile se parametrato alla delicata questione “fascia di capitano”. Aggiunta altrettanto necessaria: il pesante fardello della moglie-procuratrice complica e rovina terribilmente il quadretto del perfetto calciatore che abbiamo appena disegnato. È proprio l’incapacità di separare i due lati della vicenda, quello prettamente sportivo da quello meramente familiare, a creare quella cappa di incertezza difficile da diradare.

La volontà di Mauro Icardi di rimanere in nerazzurro, vera o presunta che sia, trova il muro invalicabile eretto dall’ex CT della nazionale, convinto che sia meglio allontanarlo dal progetto tecnico interista. Dal nostro umile scranno ci permettiamo di dare un consiglio a tutti i protagonisti della vicenda: è proprio necessario, cara Wanda, ricamare così tanto sulla questione, andando allo scontro frontale con la società? È veramente così difficile, caro Mauro, dimostrare la tua voglia di Inter, professata magnificamente sui social, con un gesto forte e clamoroso come quello di separarsi, dal punto di vista lavorativo, dalla tua compagna? Ed era infine così difficile, caro Beppe, gestire la vicenda con più tatto e più malleabilità dal punto di vista societario? Suggerimenti posti come domande retoriche, vacui ammonimenti che restano sospesi continuando ad alimentare di dubbi, ansie e incertezze le più profonde sinapsi dei tifosi del biscione. A meno che..


Il gol di Icardi nel derby contro il Milan

L’ultimo grande dubbio, l’interrogativo principe che potrebbe completamente sparigliare l’intera faccenda è quello per cui i protagonisti abbiano volutamente creato il caos mediatico e interno per portare alla fine una storia d’amore ormai definitivamente incrinata. Le minacce di Wanda Nara di parcheggiare il giocatore ad Appiano Gentile fino alla naturale scadenza del contratto (giugno 2021) cozzano con la giovane età e le ambizioni dell’argentino, puledro pronto al galoppo ma costretto ad un più mite e deprimente trotto.

D’altro canto, l’inflessibilità della società mal si sposa con la flessibilità necessaria in un mercato dove la diplomazia e il cesello la fanno ormai da padrone. Più probabile credere che all’incertezza da show televisivo faccia da contraltare un fine lavoro di mediazione dietro le quinte che porterà inevitabilmente alla separazione estiva. Roma? Napoli? Juve? Pista estera? Solo i prossimi infuocati mesi estivi ci daranno il verdetto. Con l’augurio di risolvere una volta per tutte i piccoli, ma tremendi, problemi di cuore.

 

LEGGI ANCHE: RICCARDO SAPONARA, IL FUNAMBOLO 

 

Inter in emergenza gol

Per vincere le partite bisogna prendere meno goal degli avversari, ma anche farne almeno uno! La stagione dell’Inter di sicuro non è stata indimenticabile, anzi. Iniziata malissimo con la sconfitta di Sassuolo e il pareggio interno col Torino, aveva illuso tutti il periodo intercorso tra settembre e dicembre, nel quale l’Inter aveva mostrato sprazzi di bel gioco e si pensava potesse impensierire la Juventus nella corsa al titolo. “La vera anti - Juventus è l’Inter”, spesso si sentiva questa frase nei salotti televisivi nel periodo pre natalizio. Niente di più falso. Con l’arrivo dell’inverno l’Inter si è sciolta, esattamente come l’annata 2017/2018 e quella prima ancora.

inter 1

Si potrebbe parlare di mal d’inverno, ma è surreale pensare che il problema sia davvero il freddo. Dall’approdo di Beppe Marotta, immediatamente successivo all’eliminazione dalla Champions League, la situazione della società milanese si è fatta pesante. Il crollo di dicembre, probabilmente, è dovuto alla cocente delusione che ha portato l’uscita dalla competizione europea che tanto si voleva giocare. In seguito poi sono scoppiati i vari casi comportamentali: la multa per i ritardi di Radja Nainggolan, con successivi audio inviati ad un amico nei quali parlava male dell’ambiente milanese; la multa per il ritardo dell’allora capitano Mauro Icardi, in seguito alle vacanze natalizie; la richiesta di cessione di Ivan Perisic, che hanno tenuto fuori il croato per tre partite; il degradamento di Icardi da capitano, con fascia data ad Handanovic e il finto infortunio dell’argentino per il successivo mese.

 

LEGGI ANCHE: NESSUNO PARLA DI PINAMONTI 
LEGGI ANCHE: IL DIAVOLO VESTE SARRI

Tutte queste situazioni hanno portato ad un chiaro e fisiologico calo di prestazioni, che hanno prima allontanato la squadra dalla Juventus, ma anche dal Napoli, e poi fatto anche uscire l’Inter dalla coppa Italia. Se a Milano possono ancora essere abbastanza tranquilli sul raggiungimento del terzo posto è solo ed esclusivamente per la difesa che si ritrova, Skriniar e De Vrij con Miranda in panchina costituiscono il miglior reparto difensivo della Serie A. E qui ci riallacciamo alla frase iniziale di questo pezzo, è vero che per vincere le partite bisogna prendere meno goal degli avversari, ma aiuterebbe anche segnarne qualcuno. L’Atalanta sta accarezzando il sogno Champions grazie al proprio attacco stellare, ma l’Inter? con 52 gol fatti è attualmente il sesto attacco della Serie A. Per dire, l’Atalanta ha fatto 71 gol.

inter 2

Sono numeri non in linea con la storia dell’Inter, che appunto si tiene a galla solo ed esclusivamente grazie alla difesa, che con 28 gol subiti è la seconda della Serie A. Ma com’è possibile che una società che in estate ha comprato Politano, che nella stagione 2017/2018 fece 10 gol, Keita, che nell’ultima stagione italiana ha segnato addirittura 16 reti, e Lautaro Martinez, in doppia cifra regolarmente in argentina, che andavano ad affiancarsi ai già presenti Perisic, 11 gol la scorsa stagione, e Icardi, capocannoniere in carica con 29 reti non sia anche migliore attacco. Il problema del gol è atavico in casa Inter, anche se dai numeri appena snocciolati non si direbbe, il problema esisteva anche nella stagione precedente, conclusasi con il quarto attacco della Serie A. Ma perché questo problema se in rosa sono presenti giocatori con tali numeri nelle gambe? Di sicuro responsabile non è Spalletti, visto che la fase offensiva è sempre stata un punto di forza nei moduli di Luciano.

inter 3

Allora le problematiche sono da ricercare nelle sinergie che si sono create nella formazione meneghina. Perisic e Icardi sono sicuramente due ottimi giocatori, ma le ruggini tra i due hanno spaccato lo spogliatoio creando un clima che ha reso difficile l’introduzione di nuovi giocatori. Da quando è arrivata, Suning ha sempre voluto tenere tutti i “big” della rosa, spesso lasciando anche la squadra scoperta in certi ruoli (vedasi la stagione 2017/2018 disputata per metà stagione con 3 centrali di numero). Probabilmente questo è stato fatto per non dare un segnale di debolezza, ma la Juventus ha costruito le sue vittorie anche grazie ad ottime cessioni che sono servite per rinnovare la squadra e per donarle nuove motivazioni. Se il gruppo di “big” dell’Inter ha portato a solo una qualificazione in Champions, raggiunta per giunta negli ultimi minuti dell’ultima giornata di campionato, e nella stagione successiva ha mostrato le stesse lacune, evidentemente qualcosa da cambiare c’è. Il problema del gol non è da sottovalutare e l’impressione è che, sia con che senza Spalletti, quest’estate va attuata una rivoluzione.

Un Toro di passione

Ogni anno l’Inter arriva a marzo completamente svuotata. Con l’idea, ormai chiara, che per l’ennesima volta non si alzeranno trofei a fine anno, con la speranza di entrare in Champions come unico appiglio per tenere incollati i tifosi allo schermo e per farli andare allo stadio. Oltre alla passione, ovviamente. È un copione che va in scena da 8 anni e tutto l’ambiente Inter sembra quasi rassegnato a questo. In queste tribolate stagioni poche sono state le note liete. Fino a poco tempo fa una di queste era senza dubbio Mauro Icardi, ma le delicate situazioni extra-campo, avvenute in questo ultimo periodo, hanno decisamente staccato l’Inter dal suo ex-capitano. Ed ecco che entra in scena Lautaro Martínez...

proba

Lautaro Javier Martínez nasce il 22 agosto 1997 a Bahía Blanca, la capitale del basket argentino. La terra che ha dato i natali a Manu Ginobili, per intenderci. Fin da piccolo ha una grande passione sia per la pallacanestro che per il calcio, ma quando ha dovuto prendere una decisione, ha scelto il calcio! Inizia nelle giovanili del Club Liniers, squadra della sua città e dove aveva militato anche il padre, Mario Martínez. Viene notato dagli osservatori del Racing, che non perdono tempo e lo mettono sotto contratto. Milito, e qui il destino lo lega all’Inter, lo prende sotto la sua ala e l’esordio con la maglia biancoazzurra avviene il 31 ottobre 2015, sostituendo proprio il Principe. Il ruolo dell’ex 22 nerazzurro sarà fondamentale durante la trattativa per portarlo a Milano. Lo lavora ai fianchi, lo fa appassionare alla causa interista e lo convince a sceglierla rifiutando le avance dell’Atletico Madrid del Cholo. Una trattativa impostata da Sabatini e chiusa da Piero Ausilio porta la punta, atipica, nel naviglio.

Promessa estiva, come molte passate alla pinetina di questi tempi: giovane, argentino, costo del cartellino sui 25 milioni. Insomma, aveva tutto per fallire. I primi tempi sono duri, dopo l’ottimo pre-campionato scompare dai radar. Spalletti, del resto, non è il più indicato a far esplodere i giovani. Aleggia in aria l’etichetta di “nuovo Gabigol”, ma non lo è mai stato. I più attenti, o i meno pessimisti, se preferite, se ne erano accorti fin da subito che tra le fila dell’Inter fosse arrivato qualcosa di ben diverso dalla meteora brasiliana. Zero tocchetti e orpelli inutili, lo sguardo di Lautaro parla da solo. Ma la vera sliding-door si ha quando avviene il patatrac con il marito di Wanda, o Uanda come piace tanto a lei. Trova minuti, fiducia, e non delude mai. Si prende l’Inter come si era preso il Racing. Non segna a valanga, pur mantenendo un’ottima media gol, ma si spende per la squadra. Dall’inizio alla fine corre, si batte, a volte ci mette troppa foga e si guadagna troppi gialli. Migliora di partita in partita e inizia a prendersi anche la nazionale.

Nel video estivo girato dall’Inter per presentare Lautaro veniva messo in evidenza il suo soprannome: El Toro. Un simbolo di virilità, potenza, forza, che da tempo si è provato a domare senza risultati. Può descrivere perfettamente cosa rappresenta il nuovo 10 nerazzurro. Lui che era tanto indeciso, da piccolo, tra basket e calcio, si sta prendendo San Siro. Sta soprattutto alimentando la passione degli interisti, che mai erano stati concordi su Icardi, e dando un motivo in più per vedere il solito finale di stagione. La passione, del resto, è il leitmotiv della vita del Toro. Tra passione per il basket e passione per il calcio non poteva immaginare che a 21 anni sarebbe arrivato a far appassionare il difficile pubblico di San Siro. Continua così, con quello sguardo! Toro!

Senso di incompiuto

Adda passà a’ nuttata. Deve passare la nottata. Celebre frase di Eduardo De Filippo utilizzata spessissimo per cercare di superare avvenimenti, fatti o serate più o meno dure e difficili della propria vita nelle successive 24 ore.

Filosofia che potrebbe e poteva tranquillamente essere affibbiata al post Inter-Milan, derby della Madonnina terminato 1-0 per i nerazzurri con goal al 92’ di Icardi. A noi ne sono servite 48. Troppa l’amarezza, la rabbia, la sensazione di non vissuto che ci ha investito ripensando a come commentare la gara. Dopo 2 giorni però, a mente fredda, siamo pronti e lucidi per declinare ciò che le sinapsi ci suggeriscono copiose.

Come detto, la partita l’hanno vinta i nerazzurri con una zampata del suo capitano argentino all’ultimo sospiro della gara. Una gara però dovrebbe essere giocata da due squadre, come è comunemente noto a tutti gli appassionati della sfera a scacchi. Il derby lo ha giocato solo l’Inter. Novantatre minuti in apnea e in balia delle vampate interiste, più tenaci, più sicuri e dannatamente più fisici. “Dobbiamo affrontare il derby senza paura”: perché, Rino? Perchè alle parole non sono seguiti fatti concreti che scacciassero quella terribile idiosincrasia degli ultimi anni a sentirsi veramente top, veramente Milan? Domande che rimarranno inevase, aggravando gli animi già attoniti di tutti gli sconsolati tifosi rossoneri.

Il grande minimo comune denominatore di queste ultime annate è l’atavica incapacità del Milan di fare quel definitivo salto di qualità dopo una serie di buonissime partite condite da altrettante indispensabili vittorie. Salto di qualità che va trovato nella benedetta continuità di risultati che marcano la differenza fra squadre di vertice e squadre che galleggiano mestamente a metà classifica. La posizione degli ignavi. Siamo ignavi, Rino?

La clamorosa differenza che è balzata agli occhi tra le due squadre è stata quella per cui il manipolo di uomini guidati dall’uomo di Certaldo, al secolo Luciano Spalletti, abbia compiuto quell’indispensabile scatto mentale che la porta oggi a considerarsi una grande squadra pur magari non essendolo pienamente. Andare oltre i propri limiti. Raggiungere l’obiettivo semplicemente perché la maglia che indossiamo merita fino all’ultima goccia di sudore. Retorica spicciola? Assolutamente sì. Certe volte converrebbe che tutti, dal primo dei calciatori all’ultimo dei magazzinieri (con tutto il rispetto per la categoria), si ricordassero che il calcio molto spesso si riduce a mera corsa, sudore e attaccamento ai valori per i quali si fa sport: orgoglio, coraggio, senso di appartenenza. A volte, ma direi anche molto spesso, ciò che conta in 90’ minuti di calcio non sono gli schemi, il giro palla dal basso, le verticalizzazioni o i cambi gioco provati in allenamento ma la cattiveria, la voglia di prevalere sull’avversario, il desiderio di aiutare un compagno in difficoltà o semplicemente quello di sacrificarsi per lo stemma della squadra che si rappresenta. Tutte queste componenti, nel derby di domenica sera, sono mancate al Milan e hanno invece inondato i cuori e colmato le anime degli interisti.

Più che per una chiara supremazia tecnica, l’Inter ha vinto il derby per una chiara supremazia morale. E’ questa la componente che più angoscia i supporter del Diavolo. I calciatori rossoneri hanno affrontato il derby come quegli impiegati che da 30 anni vanno in posta annoiati e timbrano il cartellino solo per dovere d’ufficio. Nessuno slancio emotivo, zero sussulti, istinti primordiali azzerati. Siamo qui solo perché ce lo impone il calendario. Ciò che più dovrebbe far riflettere Gattuso e i suoi uomini è il fatto di aver giocato il confronto cittadino come se fosse una seccatura, una gara da cui evadere piuttosto che da vivere pienamente. E da uno che viveva i derby con l’adrenalina a mille non ce lo aspettavamo proprio. Dove non arriva la tecnica, da sempre dovrebbe arrivare l’agonismo, la corsa, la grinta. Concetti passati di moda perché c’è chi ha voluto elevare il calcio ad ars aulico-ludica (siano maledetti Guardiola e il suo tiki-taka) dimenticandosi però che questo sport da sempre racchiude in se gli aspetti più puri dell’endoscheletro umano. Siamo uomini. Siate uomini. Per tornare ad essere calciatori da derby. E per non vivere di nuovo quel maledetto senso di incompiuto.

Internazionale

Altri sport

Interviste

Amarcord

Chi siamo

Il Catenaccio - Web Magazine Sportivo | Approfondimenti, statistiche, interviste, amarcord su tutto il calcio, italiano ed estero, e tutto lo sport! Ripartiamo in contropiede, dopo esserci chiusi e aver difeso, pronti ad andare in rete insieme a voi! Seguiteci per restare sempre aggiornati sul mondo dello sport!